Antiriciclaggio: inizia la revisione della terza direttiva

La Commissione europea inizia la revisione della terza direttiva antiriciclaggio, al fine di rafforzare la lotta alla criminalità economica. Al centro dell’attenzione della Commissione, vi sono gli aspetti legati all’obbligo di segnalazione da parte dei professionisti, con l’intento di limitarne i casi di esenzione attualmente previsti, e anche il legame tra tale obbligo di segnalazione e la tutela dei dati personali, con l’adozione nella futura direttiva di correttivi per rafforzare le autorità di regolamentazione.

Lascia un commento