Commercialisti: niente obbligo di crediti formativi del 2020, recuperabili nel 2021 e 2022

Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti comunica con informativa n. 110 del 28 settembre 2020 che per l’anno 2020 viene meno l’obbligo degli iscritti agli albi dei commercialisti di conseguire 20 crediti formativi.

Il Consiglio con delibera del 15 luglio 2020, condivisa con il Ministero della Giustizia, ha preso la decisione del blocco precisando che “per l’anno 2020 viene meno l’obbligo per gli iscritti di conseguire almeno 20 crediti formativi nell’anno: il mancato conseguimento dei 20 cfp nel corso dell’anno potrà essere recuperato negli anni 2021 e 2022”.

Dal sito del CNDCEC si apprende inoltre che ci sono novità anche per gli over 65. 

È stato infatti deliberato che “per l’anno 2020 viene meno l’obbligo, per gli iscritti che abbiano compiuto o compiano i 65 anni di età nel corso del triennio, di conseguire almeno 7 crediti formativi nell’anno”. 

Anche per i commercialisti over 65 i crediti non conseguiti quest’anno potranno essere recuperati negli anni 2021 e 2022.

Si ricorda che per ciò che riguarda la formazione dei professionisti, nei giorni scorsi il Consiglio nazionale aveva invitato gli Ordini territoriali a continuare a privilegiare quella a distanza almeno fino al 31 dicembre 2020 a prescindere dallo stato di emergenza epidemiologica che verosimilmente cesserà il prossimo 15 ottobre.

Allegati: