Licenziamento e obbligo di diligenza del lavoratore

La Cassazione civile, sez. lavoro il 9 agosto 2013 con sentenza  n. 19096 ha stabilito che in tema di licenziamento per violazione dell’obbligo di fedeltà e diligenza , il lavoratore deve astenersi dal porre in essere non solo i comportamenti espressamente vietati dall’art. 2105 c.c. ma anche qualsiasi altra condotta che, per la natura e per le possibili conseguenze, risulti in contrasto con i doveri connessi al suo inserimento nella struttura e nell’organizzazione dell’impresa, ivi compresa la mera preordinazione di attività contraria agli interessi del datore di lavoro potenzialmente produttiva di danno; tale contrarietà, peraltro, nel caso di dipendente di società, va necessariamente rapportata agli interessi del soggetto giuridico società e non agli interessi di un singolo socio o di un gruppo, anche se di maggioranza.
 

Lascia un commento