Lo spesometro entro il 30 aprile per chi versa con carte di credito

Entro il 30 aprile 2012 gli operatori finanziari che emettono carte di credito, di debito o prepagate devono comunicare all’Anagrafe Tributaria le operazioni rilevanti ai fini dello “spesometro”, di importo pari o superiore a 3.600 euro, effettuate nei confronti di soggetti non passivi d’imposta ai fini Iva. I dati sono riferite alle operazioni rilevate dal 6 luglio 2011 al 31 dicembre 2011. Questo è quanto previsto dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n. 185905/2011 del 29.12.2011.

Lascia un commento